Piano Citta’: i finanziamenti dei progetti

Lo scorso gennaio la Cabina di Regia istituita presso il Ministero delle infrastrutture e trasporti aveva dato il via libera al primo lotto di progetti del Piano Città: 28 proposte di intervento edilizio e urbanistico destinate alle amministrazioni comunali su tutto il territorio italiano per la rigenerazione di aree urbane degradate. L’Ance, Associazione nazionale costruttori […]

Lo scorso gennaio la Cabina di Regia istituita presso il Ministero delle infrastrutture e trasporti aveva dato il via libera al primo lotto di progetti del Piano Città: 28 proposte di intervento edilizio e urbanistico destinate alle amministrazioni comunali su tutto il territorio italiano per la rigenerazione di aree urbane degradate.

L’Ance, Associazione nazionale costruttori edili, ha reso nota nei giorni scorsi l’emanazione del decreto n. 1105 del 08/2/2013 del Capo Dipartimento per le infrastrutture: essa contiene la precisa ripartizione dei finanziamenti per i 28 progetti scelti, derivanti al momento da un co-finanziamento nazionale da 318 milioni di euro, per 224 milioni provenienti dal Fondo piano città e per 94 milioni dal Piano azione coesione per le Zone franche urbane.

Il Ministero prevede che nella prima fase gli investimenti attivabili potranno essere pari a 4,4 mld di euro. Tuttavia, precisa l’Ance, con gli apporti degli investitori privati ancora in via di definizione il volume degli investimenti potrebbe aumentare di anche più del doppio. Inoltre, sul medio termine, le varie proposte potrebbero impiegare risorse messe a disposizione dal Ministero dell’ambiente per le linee di intervento (bonifiche, miglioramento energetico ecc.) di propria competenza.

Di seguito, la ripartizione dei finanziamenti:

Ti è piaciuto questo contenuto?

Con la newsletter Teknoring resti sempre aggiornato.

In più, uno sconto del 20% su libri ed e-book e l’accesso ai vantaggi riservati agli iscritti.

ISCRIVITI

Potrebbero interessarti