Calcestruzzo preconfezionato: aggiornato il contratto

A distanza di otto anni dalla seconda edizione, il Comitato calcestruzzo dell’Ance ha provveduto all’aggiornamento del contratto per la fornitura, adeguandolo alle nuove normative. Il documento vuole costituire un utile strumento di lavoro che consenta di regolare i rapporti tra impresa e fornitore, definendo ruoli e responsabilità. “Del più diffuso utilizzo di questo strumento contrattuale […]

A distanza di otto anni dalla seconda edizione, il Comitato calcestruzzo dell’Ance ha provveduto all’aggiornamento del contratto per la fornitura, adeguandolo alle nuove normative. Il documento vuole costituire un utile strumento di lavoro che consenta di regolare i rapporti tra impresa e fornitore, definendo ruoli e responsabilità.

“Del più diffuso utilizzo di questo strumento contrattuale – ha commentato il presidente dell’Ance, Paolo Buzzetti – può avvantaggiarsi tutto il settore con ricadute positive sulla qualità delle opere da realizzare, sulla sicurezza dei lavoratori e sul rispetto dell’ambiente”.

Le presenti norme – si legge nel contratto – regolano la vendita e la consegna di calcestruzzo preconfezionato da eseguirsi da parte del fornitore del prodotto stesso franco cantiere dell’impresa di costruzione acquirente, in linea con quanto disciplinato dal Decreto del ministero delle Infrastrutture del 14 gennaio 2008, recante “Approvazione delle nuove norme tecniche per le costruzioni”, dalle Linee guida sul calcestruzzo preconfezionato, edite dal Consiglio superiore dei lavori pubblici, delle procedure Atecap/Ance per la fornitura del calcestruzzo in sicurezza in cantiere.

Il documento si compone di 11 articoli e due allegati. Vengono definite le modalità di esecuzione della fornitura – quantitativi e durata della fornitura, direzione cantiere, rapporti con la direzione lavori, programmi di consegna, impedimenti -; le descrizioni tecniche e le responsabilità – caratteristiche del fornitore, specifiche per il calcestruzzo preconfezionato, calcestruzzi pompabili, consegna, misurazione -.

Il contratto 2010 fornisce poi le indicazioni per le prove sul materiale – valutazione preliminare della resistenza, controllo di conformità, controllo di accettazione, esito dei controlli e corretto adempimento – e gli oneri a carico delle parti – certificazione Fcp e qualificazione del fornitore, accessi al cantiere, residui di calcestruzzo, sicurezza nel cantiere -.

Infine vengono disciplinate la responsabilità del fornitore e dell’impresa, la sospensione dell’ordine e la risoluzione del contratto, la formulazione dei prezzi e i termini e le condizioni di pagamento, le penali, e infine, la procedura per le controversie relative a contestazioni sul prodotto.

di O.O.

Calcestruzzo preconfezionato: aggiornato il contratto Contratto fornitura calcestruzzo preconfezionato 2010

Ti è piaciuto questo contenuto?

Con la newsletter Teknoring resti sempre aggiornato.

In più, uno sconto del 20% su libri ed e-book e l’accesso ai vantaggi riservati agli iscritti.

ISCRIVITI

Potrebbero interessarti