Ispezione alla facciata del Duomo di Firenze

Sono stati avviati gli interventi di monitoraggio della facciata del duomo di Firenze. I 15 tecnici dell’Opera di Santa Maria del Fiore sono al lavoro per l’annuale monitoraggio: per due settimane, utilizzando un’autogrù con un braccio di 75 metri, verificheranno millimetro per millimetro lo stato delle superfici marmoree del Duomo, del Campanile di Giotto e […]

Sono stati avviati gli interventi di monitoraggio della facciata del duomo di Firenze. I 15 tecnici dell’Opera di Santa Maria del Fiore sono al lavoro per l’annuale monitoraggio: per due settimane, utilizzando un’autogrù con un braccio di 75 metri, verificheranno millimetro per millimetro lo stato delle superfici marmoree del Duomo, del Campanile di Giotto e del Battistero di San Giovanni.

I 15 uomini al lavoro non sono solo tecnici restauratori, ma veri e propri scultori che, all’occorrenza, possono rifare pezzi ormai rovinati o trasformarsi in ‘climbers’ e calarsi con le funi per osservare da vicino anche l’area della lanterna della Cupola che si staglia a 118 metri. Il compito loro assegnato prevede di tastare le superfici, accarezzando ogni inezia per appurare lo stato di conservazione del complesso. La superficie da analizzare è pari a quattro campi di calcio e n nelle zone alte, saranno utilizzate due autogrù con cestello, con bracci da 50 e 75 metri.

Dalle conclusioni tratte alla fine del monitoraggio, deriveranno gli eventuali interventi di conservazione.

Il complesso di Santa Maria del Fiore ha richiamato nel 2006 oltre un milione e mezzo di turisti, un terzo dei quali è salito anche sulla cupola del Brunelleschi.

Ti è piaciuto questo contenuto?

Con la newsletter Teknoring resti sempre aggiornato.

In più, uno sconto del 20% su libri ed e-book e l’accesso ai vantaggi riservati agli iscritti.

ISCRIVITI

Potrebbero interessarti