Concorso Mirafiori: otto progetti per le aree ex Fiat a Torino

Concluso a Torino il concorso internazionale di idee per la riqualificazione dell’ex area logistica di Mirafiori. Otto finalisti che si contenderanno l’incarico per lo studio di fattibilità

L'area principale di intervento

Si è svolta il 3 luglio, nell’ambito della Mirafiori Week, la premiazione dei finalisti del concorso internazionale di idee Mirafiori che, lanciato ad aprile, chiedeva proposte per la riqualificazione e il riuso temporaneo dell’ex area logistica di Fiat Mirafiori.
I 37.000 mq affacciati su corso Settembrini sorgono all’imbocco sud della città accanto agli stabilimenti Fiat di Mirafiori, ancora parzialmente in utilizzo, e comprendono quanto resta dell’ex Dai e dell’ex gommatura. E sono parte di un’area dismessa dalle dimensioni ragguardevoli, 300.000 mq, che dal 2005 è al centro di un piano di sviluppo che prevede la creazione di un polo scientifico-tecnologico, il Polo Tecnologico Mirafiori, affidato alla gestione della società mista pubblico-privata Tne Torino Nuova Economia (partecipata in modo maggioritario dal pubblico attraverso Finanziaria Città di Torino e Finpiemonte Partecipazioni, da Città Metropolitana di Torino e, per il 2%, da Fga Real estate Services), divenuta proprietaria delle aree in cambio di un piano industriale che comprendesse azioni sulla città.
Il progetto in corso di realizzazione è suddiviso in tre comparti il cui utilizzo è già in larga parte stabilito: la zona A, tra corso Settembrini e corso Orbassano, la B, tra corso Orbassano e via Anselmetti dove si insedieranno la Nova Coop e, nel lotto dell’ex Centro Stile Fiat, la Tecnocad Progetti specializzata in componenti per l’automotive, e la C, tra via Anselmetti e via Plava che vedrà invece la nascita del nuovo stabilimento della Centrale del Latte di Torino.

area_mirafiori

L’area oggetto del concorso Mirafiori fa parte della zona A, dove la riqualificazione è partita nel 2010 è con il completamento e la messa in funzione del primo elemento della riqualificazione, il Centro del Design progettato da Isolarchitetti per il Politecnico di Torino che è anche il punto di partenza dell’intervento che ora dovrebbe intervenire su quello che resta dell’area parzialmente recuperata. Area che è caratterizzata dalla presenza di due fabbricati ex industriali sorretti da strutture metalliche di ampie campate e altezze.

 

mirafiori_to_area

Il bando di concorso, elaborato con il supporto della Fondazione dell’Ordine degli Architetti di Torino, era stato redatto seguendo le linee guida impostate alla conclusione di un processo partecipativo seguito dagli specializzati Avventura Urbana, che aveva coinvolto 32 testimoni attivi in modi diversi sull’area di Mirafiori sud: dalle istituzioni locali al terzo settore ai rappresentanti dei cittadini.
Gli otto finalisti individuati, premiati per adesso con premi decrescenti dai 10.000 euro per il primo ai 2.000 euro dal quarto all’ottavo, sono, nell’ordine:

Recchiengineering s.r.l. – Torino, con: Land Milano s.r.l., Immagine e Territorio – Strategie e Strumenti di Livio DezzaniSaS, Cristiano Picco, +Studio, Roberta Musso
• studioata – Torino, consulenti: Loredana Pia Raimondo, Valerio Fogliati, Bruno Maiolo (LEGGI L’INTERVISTA ALLO STUDIO)
Pat Architetti Associati – Torino, consulenti: CZ Studio Associati, Francesco Fossati, Fabio Busatto, Bellissimo s.r.l., Jones Lang LaSalle S.p.a., Lorenzo Pavese
Tiziano Cirigliano – Torino con Roberto Le Serre
Mario Cipriano – Torino
Tonino Fadda – Cagliari
Mario Cucinella Architects srl – Bologna con Magnoli&Partners, Prodim s.r.l., consulenti: Michele Lorusso, Francesca Angori, Mario Giuseppe Franco Abis, Guido Alberto Inzaghi, Lorenzo Passafiume, Laurenzi consulting s.r.l., Ppan s.r.l., Antonella Agnoli
Soc. Ing. Dodi Moss s.r.l. – Genova, consulenti: Enrico Ivaldi, Cinzia Castellaro, Irene Misurale, Silvia Reolon, Licia Di Tommaso, Liliana Iadeluca

Come stabilito dal bando, adesso dovrebbe partire la seconda fase, che organizzerà una gara vera e propria per l’affidamento dell’incarico dello studio di fattibilità fra i finalisti del concorso di idee. Nella galleria di seguito la descrizione delle otto proposte finaliste.

 

 

Laura Milan

Architetto e dottore di ricerca in Storia dell’architettura e dell’urbanistica. Ha seguito mostre internazionali e progetti su Carlo Mollino e dal 2002 collabora con “Il Giornale dell’Architettura”. Partecipa attivamente alle iniziative dell’Ordine degli architetti di Torino. Nel 2014 costituisce lo studio associato Comunicarch con il quale entra a fare parte del network Guiding Architects e propone tours e itinerari specializzati fra le architetture contemporanee di Torino e Ivrea.

Archivio Articoli

Ti è piaciuto questo contenuto?

Con la newsletter Teknoring resti sempre aggiornato.

In più, uno sconto del 20% su libri ed e-book e l’accesso ai vantaggi riservati agli iscritti.

ISCRIVITI

Potrebbero interessarti