Case a catalogo per riqualificare una caserma: l’idea di Mvrdv

Lo studio olandese Mvrdv, insieme alla Traumhaus, ha vinto il concorso per la riqualificazione edilizia di una caserma attraverso la realizzazione di 150 'case a catalogo', modulari e a basso costo

Plastico di concorso (Courtesy of MVRDV)

Lo studio olandese MVRDV e Traumhaus, società tedesca specializza nella costruzione di unità abitative a basso costo e alta qualità basate sulla composizione di elementi standardizzati, sono stati selezionati per la realizzazione della trasformazione di una parte dell’ampia ex caserma Franklin a Mannheim, centro nella Germania meridionale a 90 km da Francoforte.

Il progetto si inserisce all’interno di un ampio processo di rigenerazione urbana avviato dall’amministrazione comunale in seguito alla dismissione, iniziata nel 2007, delle molte strutture occupate dagli insediamenti militari statunitensi sul territorio cittadino. Il processo sta interessando tutta la città e sta progressivamente modificando la destinazione d’uso di oltre 300 ettari di ex caserme e aree al loro servizio: oltre alla Franklin, la Turley (12,6 ettari), la Taylor (45), la Spinelli (80,9), la Coleman (226,6), la Hammonds (6,9), la Stem (3) e la Rheinau (7,8). È stato un processo anche altamente partecipato dalla cittadinanza, che ha contribuito alla stesura di linee guida per nuovi interventi da realizzarsi nel rispetto di riferimenti come il verde, la cultura, il risparmio energetico e l’importanza della qualità abitativa.

tipologie a catalogo_Courtesy of MVRDV

Disegni schematici delle tipologie di case a catalogo del progetto Mvrdv / Traumhaus (Courtesy of MVRDV)

Il luogo prescelto per la proposta di MVRDV e Traumhaus, che realizzerà 27.000 mq di nuove superfici residenziali, si trova all’interno della vasta area occupata fino al 2012 dall’imponente caserma intitolata alla memoria di Benjamin Franklin: 145 ettari localizzati alla periferia nord orientale di Mannheim passata al governo federale in seguito alla sua dismissione. Alla base era annessa anche la più estesa area residenziale militare di tutta la Germania, una vera e propria “città nella città” che, servita da strutture sportive, una chiesa, aree commerciali con un cinema, una clinica, un albergo e scuole per i diversi gradi di istruzione, nei tempi più recenti è stata anche utilizzata per dare un tetto ai rifugiati, non senza polemiche.

Acquisita a dicembre 2015 dalla MWSP (MWS Projektentwicklungsgesellschaft), società mista pubblico-privata costituita per gestire la trasformazione di tutte le aree dismesse dall’esercito statunitense, la ragguardevole superficie totale della Franklin è stata ripartita in tre aree, la cui trasformazione seguirà tempi differenti e sarà suddivisa in lotti: il Benjamin Franklin Village, la caserma Sullivan e la caserma Funari, la cui rifunzionalizzazione è stata aggiudicata all’associazione di MVRDV e Traumhaus.

area funari

L’area interessata dall’intervento

Il concept vincente, modulare, vario, colorato, flessibile e soprattutto iterativo (parola chiave di tutto il processo avviato), prevede la realizzazione di 150 unità abitative mono e plurifamiliari in grado di soddisfare le esigenze di un ampio mix sociale di utenti all’interno di un quartiere totalmente pedonalizzato, in cui i veicoli non potranno entrare. La sfida è sicuramente ambiziosa, soprattutto dal punto di vista della sostenibilità economica, che dovrà portare la realizzazione di edifici di qualità a costi accessibili, e della varietà dei potenziali futuri abitanti: si prevede infatti la presenza di single, famiglie ristrette e allargate, giovani e anziani, giovani coppie e giovani pensionati, immigrati, portatori di handicap e studenti.

planimetria_Courtesy of MVRDV

Planimetria (Courtesy of MVRDV)

assonometria_Courtesy of MVRDV

Assonometria (Courtesy of MVRDV)

Il progetto elaborato da MVRDV, che nelle parole di Winy Maas “è una risposta a un sistema in cui i giovani non possono permettersi di comprare una casa e in cui una casa a prezzi accessibili è in genere di pessima qualità”, prende le forme proprio per dare risposta alle variegate esigenze di potenziale ampissima utenza e realizzerà edifici che rivedranno e reinterpreteranno le tipologie standard già disponibili nel catalogo di Traumhaus, variandole nella composizione, nell’altezza e nelle aggregazioni, ma anche attraverso l’uso dei materiali e delle finiture, secondo cinque categorie principali. All’interno, saranno realizzati appartamenti e unità di dimensioni comprese tra i 30 mq e i 200 mq.

generazione delle tipologie_Courtesy of MVRDV

Processo di generazione delle tipologie abitative (Courtesy of MVRDV)

evoluzione della casa_Courtesy of MVRDV

Evoluzione della casa (Courtesy of MVRDV)

La proposta si completa con la realizzazione di ampie aree verdi e giardini, sia esterni che di pertinenza alle abitazioni, realizzati anch’essi mediante variazioni su soluzioni a catalogo, e la presenza di ampie aree di parcheggio completamente sotterranee, che consentiranno la liberazione della superficie dalle automobili destinando la superficie al solo traffico “lento”, pedonale e ciclabile.

prospetitva funari_Courtesy of MVRDV

Render – vista prospettica (Courtesy of MVRDV)

2_plastico di concorso_Courtesy of MVRDV

Plastico di concorso (Courtesy of MVRDV)

Mvrdv è uno studio non nuovo a soluzioni sperimentali e innovative per l’edilizia contemporanea. Nei giorni scorsi lo studio fondato da Winy Maas ha completato una imponente struttura temporanea, realizzata con impalcature e ponteggi, per celebrare i 75 anni della ricostruzione di Rotterdam.

Laura Milan

Architetto e dottore di ricerca in Storia dell’architettura e dell’urbanistica. Ha seguito mostre internazionali e progetti su Carlo Mollino e dal 2002 collabora con “Il Giornale dell’Architettura”. Partecipa attivamente alle iniziative dell’Ordine degli architetti di Torino. Nel 2014 costituisce lo studio associato Comunicarch con il quale entra a fare parte del network Guiding Architects e propone tours e itinerari specializzati fra le architetture contemporanee di Torino e Ivrea.

Archivio Articoli

Ti è piaciuto questo contenuto?

Con la newsletter Teknoring resti sempre aggiornato.

In più, uno sconto del 20% su libri ed e-book e l’accesso ai vantaggi riservati agli iscritti.

ISCRIVITI

Potrebbero interessarti