Sky City One, gia’ bloccati i lavori

Tanto rumore per nulla: appena avviati, i lavori di Sky City One, il grattacielo più alto del mondo a Changsha in Cina, sono stati già arrestati. Ad affermarlo è la stampa locale, secondo quanto riporta l’Ansa. I lavori sarebbero stati bloccati dalle autorità secondo le quali “alcune delle procedure necessarie ad ottenere l’autorizzazione non sono […]

Tanto rumore per nulla: appena avviati, i lavori di Sky City One, il grattacielo più alto del mondo a Changsha in Cina, sono stati già arrestati. Ad affermarlo è la stampa locale, secondo quanto riporta l’Ansa. I lavori sarebbero stati bloccati dalle autorità secondo le quali “alcune delle procedure necessarie ad ottenere l’autorizzazione non sono state seguite”.

Il grattacielo che con i suoi 838 metri dovrebbe superare il Burj Khalifa di Dubai, detentore del primato, è al centro delle polemiche fin dal suo annuncio. Principalmente, sempre secondo l’Ansa, i maggiori dubbi sollevati riguarderebbero la capacità dell’impresa responsabile della costruzione di gestire una costruzione così complessa. Broad Group, infatti, pur essendo uno dei più grandi costruttori privati cinesi, è entrato nel mercato immobiliare solo di recente, essendo in realtà nato come produttore di apparecchi per l’aria condizionata. L’azienda al momento non ha commentato la notizia.

Scopri il progetto dello Sky City One qui.

Ti è piaciuto questo contenuto?

Con la newsletter Teknoring resti sempre aggiornato.

In più, uno sconto del 20% su libri ed e-book e l’accesso ai vantaggi riservati agli iscritti.

ISCRIVITI

Potrebbero interessarti