Da Renzo Piano un super curtain wall per la Columbia University

L'edificio della Columbia University, progettato da Renzo Piano, è dotato di un curtain wall da 16.400 mq composto da sei tipologie diverse di sistemi per facciate. La gallery

Il dettaglio del curtain wall del Jerome L. Greene Science Center della Columbia University, progettato da Renzo Piano

La Columbia University ha ultimato il “Jerome L. Greene Science Center”: questo edificio studentesco è l’ultimo dei molti ‘lasciti’ dell’architetto italiano e senatore a vita, Renzo Piano, alla città di New York, tra i quali ad esempio il Whitney Museum e la sede del New York Times. L’edificio della Columbia University è il primo tassello di un ampio incarico affidato nel 2002 a Som e Renzo Piano Building Workshop, per il masterplan del Manhattanville Campus.

Tra gli elementi portanti della struttura, un’organizzazione spaziale innovativa rispetto ai campus ‘classici’, un’attenzione eccezionale alla sostenibilità (l’edificio è certificato Leed Platinum) e un utilizzo all’avanguardia del curtain wall, in questo caso composto da sei tipologie diverse di elementi di facciata.

Cliccando la gallery di seguito potete alcuni scatti dell’edificio di Renzo Piano. Se volete conoscere i dettagli progettuali, visitate l’approfondimento su Architetto.info.

Altro su Renzo Piano:
Renzo Piano Building Workshop a Montecarlo: al via l’ampliamento del waterfront
Apre il Centro Culturale Stavros Niarchos di Renzo Piano, con la copertura in ferrocemento dei record
Il Padiglione dei cetacei di Renzo Piano: focus sull’involucro d’acciaio

Laura Milan

Architetto e dottore di ricerca in Storia dell’architettura e dell’urbanistica. Ha seguito mostre internazionali e progetti su Carlo Mollino e dal 2002 collabora con “Il Giornale dell’Architettura”. Partecipa attivamente alle iniziative dell’Ordine degli architetti di Torino. Nel 2014 costituisce lo studio associato Comunicarch con il quale entra a fare parte del network Guiding Architects e propone tours e itinerari specializzati fra le architetture contemporanee di Torino e Ivrea.

Archivio Articoli

Ti è piaciuto questo contenuto?

Con la newsletter Teknoring resti sempre aggiornato.

In più, uno sconto del 20% su libri ed e-book e l’accesso ai vantaggi riservati agli iscritti.

ISCRIVITI

Potrebbero interessarti