Servizio di Prevenzione e Protezione per la Sicurezza sul lavoro: chi supporta l’RSPP?

La sicurezza sul lavoro è fondamentale: le normative del D.Lgs 81/08 aiutano nell’accordare prevenzione e protezione a servizi esterni come quelli di Tommaso Barone

La sicurezza sul lavoro, introdotta in Italia da 25 anni con il D.Lgs 626/94, è fondamentale per qualsiasi azienda, e lo è soprattutto aggiornarne contenuti, parametri e direttive.

Per questo gli articoli 31 e 33 della rinnovata normativa, D.Lgs. 81/08, definiscono il Servizio di Prevenzione e Protezione “SPP” come l’“insieme delle persone, sistemi e mezzi esterni o interni all’azienda finalizzati all’attività di prevenzione e protezione dai rischi professionali per i lavoratori”.

Il Servizio di Prevenzione e Protezione coinvolge diverse figure all’interno dell’azienda. Prima di tutto il datore di lavoro, che è colui che organizza il SPP all’interno dell’azienda o unità produttiva, e ne nomina i componenti.

La funzione di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione “RSPP” può essere ricoperta da una figura interna o esterna all’azienda. In alcuni casi previsti dalla normativa, lo stesso datore di lavoro può ricoprire direttamente il ruolo di RSPP. Quando i ruoli non coincidono, invece, il RSPP è nominato direttamente dal datore di lavoro e a lui corrisponde del suo operato.

Tuttavia, prima di optare per un SPP esterno, il datore di lavoro deve accertarsi che non vi siano professionisti interni. In quel caso, potrà avvalersi di servizi esterni che siano in possesso di tutti i requisiti professionali e le capacità richiesti dall’art. 32 del D.Lgs. 81/08 e devono essere comunque in numero sufficiente a seconda delle caratteristiche dell’azienda.

A tal proposito Tommaso Barone offre un servizio di consulenza pensato e organizzato per chi svolge l’incarico di RSPP nelle scuole, ai sensi del D.Lgs. 81/08, proponendosi come componente esperto del Servizio di Prevenzione e Protezione.

Compiti del Servizio di Prevenzione e Protezione

Secondo l’art. 33 del D.Lgs. 81/08 il SPP provvede:

  1. All’individuazione dei fattori di rischio, alla valutazione dei rischi e all’individuazione delle misure per la sicurezza e la salubrità degli ambienti di lavoro, nel rispetto della normativa vigente sulla base della specifica conoscenza dell’organizzazione aziendale;
  2. Ad elaborare, per quanto di competenza, le misure preventive e protettive di cui all’art. 28, co. 2, e i sistemi di controllo di tali misure;
  3. Ad elaborare le procedure di sicurezza per le varie attività aziendali;
  4. A partecipare alle consultazioni in materia di tutela della salute e sicurezza sul lavoro, nonché alla riunione periodica di cui all’art. 35;
  5. A fornire ai lavoratori le informazioni di cui all’art. 36.

L’Addetto al Servizio di Prevenzione e Protezione “ASPP” affianca il RSPP nello svolgimento dei suoi compiti, finalizzati all’attività di prevenzione e protezione dai rischi professionali per i lavoratori. Nel caso in cui il RSPP sia interno all’azienda, avere il supporto di un ASPP esterno può essere un importante vantaggio.

Ulteriori informazioni su tommasobarone.it.

Ti è piaciuto questo contenuto?

Con la newsletter Teknoring resti sempre aggiornato.

In più, uno sconto del 20% su libri ed e-book e l’accesso ai vantaggi riservati agli iscritti.

ISCRIVITI

Potrebbero interessarti