Sismica, le parole sono importanti: come definire eventi, costruzioni e stati limite

I termini dell'ingegneria sismica sono talvolta utilizzati in modo improprio, e non solo dai non addetti ai lavori. Specie dopo un evento tragico come un terremoto. Vi proponiamo una schematica definizione di “eventi”, “costruzioni” e “stati limite”

A seguito del tragico evento sismico verificatosi in Italia Centrale lo scorso 24 agosto, abbiamo avviato una serie di articoli che intendono far chiarezza sulla terminologia tecnica che molto spesso è utilizzata in queste settimane, talvolta in modo improprio. Qualcuno sul web sottolinea che “si dovrebbe dare per scontato che un ingegnere conosca il significato di questi termini”: è vero, ma poiché anche a livello di media generalisti si è fatto molto abuso di alcuni termini (vedi adeguamento, miglioramento e interventi locali) meglio ribadire i concetti in modo chiaro. Ripetere non fa mai male.

Ecco di seguito allora una schematica sistemazione dei termini “evento”, “costruzione” e “stati limite”.

tabella_1_tipo di evento

Tipo di evento (art. 2, Legge n. 225/1992Legge n. 100/2012)

Alcune delle sigle ricorrenti nella gestione dell’emergenza

tabella 2_alcune_sigle

Tipo di costruzione (Decreto del Capo Dipartimento della Protezione Civile n. 3685 del 21 ottobre 2003)

tabella 3_tipo di costruzione

Come specificato sia nel decreto n. 3685/2003 sia nelle attuali norme tecniche le costruzioni sono distinte in funzione sia dell’importanza che rivestono durante eventi calamitosi (ad esempio il terremoto) sia del grado di affollamento, parametro quest’ultimo direttamente correlabile all’esposizione.

tabella_4_stati_limite

tabella_5_in_presenza_di_azione_sismica

tabella_6

Leggi anche: Sisma Centro Italia: i rilievi fotografici di Ingegneria Sismica Italiana

Sara Frumento

È autrice di “Il rischio idrogeologico in Italia. Guida pratica – Cause del dissesto – Strumenti e tipologie di intervento”, coautrice di “Analisi sismica delle strutture murarie” e “Interpretation of experimental shear test of clay brick masonry walls and evaluation of q-factor for seismic design”. Dal 2014 collabora con le riviste web ingegneri.info, geometra.info ed architetto.info. Dal 2016 è Tecnico rilevatore per l’agibilità post sismica degli edifici ordinari e Consigliere del direttivo nazionale di SIGEA.

Archivio Articoli

Ti è piaciuto questo contenuto?

Con la newsletter Teknoring resti sempre aggiornato.

In più, uno sconto del 20% su libri ed e-book e l’accesso ai vantaggi riservati agli iscritti.

ISCRIVITI

Potrebbero interessarti