Le liane dei fratelli Bouroullec

Ai fratelli Bouroullec interessa l’industrial design anche per la possibilità di riprodurre gli oggetti in serie potenzialmente illimitate, ciò nonostante si considerano davvero fortunati per la colleborazione – che dura ormai da anni – con Galerie Kreo: in questa nota galleria parigina trovano, infatti, lo spazio per sperimentare, per dare forma concreta al loro pensiero […]

Ai fratelli Bouroullec interessa l’industrial design anche per la possibilità di riprodurre gli oggetti in serie potenzialmente illimitate, ciò nonostante si considerano davvero fortunati per la colleborazione – che dura ormai da anni – con Galerie Kreo: in questa nota galleria parigina trovano, infatti, lo spazio per sperimentare, per dare forma concreta al loro pensiero secondo i propri tempi, e modi. “E’ un contesto unico che ci aiuta a respirare tra gli altri progetti” afferma Ronan “Inoltre, aggiunge il fratello, ci offre la possibilità di una ricerca maggiore per quanto riguarda le forme, più naturali e libere poichè svincolate dai limiti imposti dall’industria, le normative, il peso, le dimensioni e tutti gli altri parametri da tenere in considerazione nella produzione di massa”.

Ora presentano una nuova serie di lampade in cui sono espliciti i riferimenti al mondo naturale: chiamate “Conques” lampade a muro tipo shell, “Lianes” lunghi fili che pendono dal soffitto come in una giungla, e “Roches” simili a pezzi di roccia estrapolati dalla materia dura; sono oggetti supportati efficacemente dall’utilizzo sperimentale dei materiali, una selva di design: essenziale, elegante, che intriga.

L’idea generale dietro a Lianes è integrare e unificare tutti gli elementi della lampada – dai cavi lunghi per i punti di fissaggio alla conchiglia effettivamente accesa. Per rendere questo possibile, ogni singolo elemento è rivestito in pelle nera o color carne – compresi i punti di fissaggio che consentono a Lianes di essere appesa al soffitto.

La Conque è una lampada da parete che può stare in piedi da sola grazie ad un sistema wireless o che può essere interconnessa con altre Conques. La scocca estremamente nero-lucida ha lo scopo di riflettere al massimo la luce. Il mistero nasce dal fatto che ci sia spazio tra la parete e la luce reale per dare l’impressione di un oggetto volante a ridosso del muro. Ancora una volta, gli agganci sono invisibili.

La Roches è un insieme di scaffalature. Ci sono 8 misure di Roches (da 1,17 m a 13,5 cm di lunghezza). Grazie all’utilizzo di una speciale vernice ultra opaca, la Roches dà una sensazione vellutata al tatto.{GALLERY}

Ti è piaciuto questo contenuto?

Con la newsletter Teknoring resti sempre aggiornato.

In più, uno sconto del 20% su libri ed e-book e l’accesso ai vantaggi riservati agli iscritti.

ISCRIVITI

Potrebbero interessarti