Una casa tradizionale in ‘classe A’

Ancora una volta la Toscana si pone all’avanguardia sul panorama nazionale in materia di edilizia sostenibile e efficienza energetica. A Rignano sull’Arno, comune nel fiorentino, è stato recentemente inaugurato il complesso residenziale “Le Corti”, un intervento che pur essendo in perfetta linea con gli stilemi progettuali dell’architettura toscana classica, ha ricevuto una delle attestazioni principali […]

Ancora una volta la Toscana si pone all’avanguardia sul panorama nazionale in materia di edilizia sostenibile e efficienza energetica. A Rignano sull’Arno, comune nel fiorentino, è stato recentemente inaugurato il complesso residenziale “Le Corti”, un intervento che pur essendo in perfetta linea con gli stilemi progettuali dell’architettura toscana classica, ha ricevuto una delle attestazioni principali sul territorio nazionale per le alte prestazioni energetiche, la certificazione CasaClima in Classe A consegnata dall’Agenzia fiorentina per l’energia.

La particolarità dei fabbricati è nella loro duplice natura tradizionale e all’avanguardia insieme: pur possedendo infatti tutti i requisiti di alta efficienza energetica e di comfort abitativo dei moderni edifici, presentano nella loro struttura componenti architettoniche e costruttive delle abitazioni di campagna, come la fattura articolata del tetto, le gronde in aggetto con travi e travetti in legno, le logge sia al piano terra che al piano primo. Ad aggiungere suggestione ulteriore è anche il contesto in cui esse sono state realizzate, le dolci colline fiorentine.

Tra le specifiche tecniche, si segnalano: la coibentazione a cappotto in lana di roccia, un doppio strato di materiale isolante per le coperture (lana di roccia per solaio del sottotetto e fibra di legno per le falde inclinate) e gli infissi dotati di tripli vetri a doppia camera a gas, permettono una maggiore tenuta di calore in inverno, una notevole riduzione del surriscaldamento interno nel periodo estivo e l’eliminazione dei ponti termici. I vantaggi saranno: la riduzione del 75% dei costi di riscaldamento, la non necessità di rinfrescare la casa nel periodo estivo e l’acqua calda ottenuta da fonti rinnovabili per il 50% del consumo.

{GALLERY}

Ti è piaciuto questo contenuto?

Con la newsletter Teknoring resti sempre aggiornato.

In più, uno sconto del 20% su libri ed e-book e l’accesso ai vantaggi riservati agli iscritti.

ISCRIVITI

Potrebbero interessarti