Splinter: le ‘schegge’ di Nendo

{GALLERY} Una sedia con braccioli, due appendiabiti, due tavolini e due specchi. È la nuova collezione Splinter, ideata dallo studio giapponese di design Nendo diretto da Oki Sato, tra i più brillanti designer dei nostri tempi. Letteralmente, in italiano, Splinter significa “scheggia” riferendosi alla particolare tecnica di lavorazione qui utilizzata per dividere il legno in […]

{GALLERY}

Una sedia con braccioli, due appendiabiti, due tavolini e due specchi. È la nuova collezione Splinter, ideata dallo studio giapponese di design Nendo diretto da Oki Sato, tra i più brillanti designer dei nostri tempi.

Letteralmente, in italiano, Splinter significa “scheggia” riferendosi alla particolare tecnica di lavorazione qui utilizzata per dividere il legno in più parti, in modo plasmare due o più componenti da un unico fusto.

Le singole parti si dividono grazie alla tecnica di “scheggiatura”, dando l’impressione di essere “sbucciati”. Ad esempio, la struttura dello schienale della seduta si divide in due da ogni lato dando vita al bracciolo; il bastone dell’appendiabiti si apre per dar vita ai vari supporti; la gamba portante del tavolino si allarga a ventaglio per sostenere il piano di appoggio.

Il tutto crea un effetto di grande essenzialità e minimalismo: il metodo di lavorazione del legnoo non è stato invasivo e Nendo ha cercato di valorizzarne la grana e la duttilità originali.

Ti è piaciuto questo contenuto?

Con la newsletter Teknoring resti sempre aggiornato.

In più, uno sconto del 20% su libri ed e-book e l’accesso ai vantaggi riservati agli iscritti.

ISCRIVITI

Potrebbero interessarti