L'invasione barbarica

Da alcuni anni Edra, azienda toscana di cui Massimo Morozzi è il direttore artistico, ha deciso di calcare la strada del design estremo e coraggioso. Un arredo per pochi intenditori, visto che la collezione si colloca sulla fascia altissima del mercato. Un design che rifugge chiaramente dalla dimensione della produzione industrializzata: ogni pezzo è realizzato […]

Da alcuni anni Edra, azienda toscana di cui Massimo Morozzi è il direttore artistico, ha deciso di calcare la strada del design estremo e coraggioso. Un arredo per pochi intenditori, visto che la collezione si colloca sulla fascia altissima del mercato. Un design che rifugge chiaramente dalla dimensione della produzione industrializzata: ogni pezzo è realizzato a mano da artigiani super-specializzati. Infine, un design d’arredo dalla personalità travolgente, destinato a chi desidera dei pezzi capaci di dominare la scena.

Nel paesaggio dell’arredo contemporaneo, Edra è sicuramente la degna erede del design radicale, di cui lo stesso Morozzi, tra gli anni ’60 e ’70, è stato un attivissimo esponente. Durante la recente design week milanese, si è riaffacciata con una collezione di novità ispirate al mondo dei Barbari: il mobile Cabana (una sorta di tucul in rafia), la lampada Campana e il tavolo Cotto, oltre allo sviluppo in versione armadio del tavolo Brasilia e all’estensione della linea Leatherworks. Tutti caratterizzati da un linguaggio brutale e (volutamente) rozzo, disegnati dai fratelli Fernando e Humberto Campana, che da anni sono i massimi interpreti di quella filosofia aziendale.

{GALLERY}

Ti è piaciuto questo contenuto?

Con la newsletter Teknoring resti sempre aggiornato.

In più, uno sconto del 20% su libri ed e-book e l’accesso ai vantaggi riservati agli iscritti.

ISCRIVITI

Potrebbero interessarti