Osservatorio Costruzioni: crescita minima secondo Ance

A causa del peggioramento delle condizioni economiche di contesto, il Centro Studi Ance valuta all'1,1% la previsione di crescita del settore delle costruzioni per il 2019 e prevede una contrazione ancora maggiore nel 2020

Nei giorni scorsi è stato presentato l’Osservatorio Congiunturale sull’Industria delle Costruzioni. Un altro documento sullo stato di salute del settore, dopo i dati diramati da Federcostruzioni. Lo studio Ance è composto da 166 pagine ed è stato illustrato dal Presidente dell’Ance, Gabriele Buia, dal vicepresidente Rudy Girardi e dal Direttore del Centro Studi Ance, Flavio Monosilio: fornisce un aggiornamento dell’andamento del settore delle costruzioni con le previsioni per il 2019 e il 2020, alla luce del rallentamento dell’economia nazionale e internazionale in atto.

Costruzioni, la crisi continua

L’incertezza economica, che sta coinvolgendo tutti i settori produttivi, non risparmia le costruzioni che proseguono nella loro lunga e pesante crisi. In 11 anni, infatti, i livelli produttivi si sono ridotti di circa un terzo, comportando la chiusura di oltre 120mila imprese e la perdita di 600mila posti di lavoro. La previsione per l’anno in corso, che tiene conto dei consueti indicatori economici e settoriali che misurano il potenziale produttivo del settore, è di un aumento del 2%. Tale risultato è dovuto principalmente ai primi e timidi segnali positivi registrati per gli investimenti privati residenziali e non residenziali e al proseguimento della dinamica positiva per il comparto della manutenzione straordinaria.

Opere pubbliche, timidi segnali di ripresa

Per le opere pubbliche la previsione per il 2019 è di un aumento dell’1,8%. Un primo segnale positivo del tutto insufficiente ad invertire il lungo trend negativo in atto dal 2005. Un dato lontano dalle aspettative di crescita degli investimenti pubblici che le misure governative, adottate negli ultimi anni, lasciavano sperare.
Il repentino peggioramento delle condizioni economiche di contesto, tuttavia, ha indotto il Centro Studi Ance a formulare uno scenario di previsione peggiorativo, che dimezza la crescita del settore delle costruzioni per il 2019 (+1,1%) e prevede una contrazione ancora maggiore nel 2020. Tale scenario, secondo Ance, appare al momento più credibile, in considerazione dei cambiamenti in atto e delle scelte operate dal Governo con l’ultima Legge di bilancio che hanno fortemente ridimensionando il contributo alla crescita derivante dalla spesa per investimenti in conto capitale.

Intesa Ance-sindacati

L’Ance intanto nei giorni scorsi ha siglato una nuova intesa con Associazioni Artigiane, Cooperative e Organizzazioni Sindacali Feneal-Uil, Filca-Cisl e Fillea-Cgil. Nel protocollo c’è la convergenza per attività di formazione e sicurezza che siano ricondotte al sistema bilaterale edile, con verifica dell’operatività degli enti paritetici dell’artigianato.

Confermato, altresì, il ruolo della CNCE e i relativi compiti di indirizzo, controllo e coordinamento delle Casse Edili e Edilcasse, definiti esclusivamente nell’ambito degli accordi e dei contratti collettivi nazionali di lavoro edili. Scatta l’obbligo di non apertura di nuovi Enti paritetici né l’ampliamento della sfera territoriale di competenza. Il Protocollo, che regola esclusivamente i rapporti della governance al livello nazionale, detta specifiche indicazioni in merito, anche attraverso lo strumento della rotazione delle Presidenze tra Ance e Organizzazioni artigiane nel Fondo Sanitario Sanedil, nel futuro Ente unico Formazione e Sicurezza e nel Fnape.

Giorgio Tacconi

Nato a Milano nel 1956, laureato in giurisprudenza, svolge come libero professionista attivita' di comunicazione, informazione e consulenza tecnico-giuridica in tema di sicurezza negli ambienti di lavoro, tutela dell'ambiente e sostenibilità, responsabilità sociale d'impresa. Ha collaborato come autore di testi, siti e banche dati con Cedis, McGrawHill, Eco-comm, De Agostini, Rcs, Conde Nast, LifeGate, Sistemi Editoriali, Giappichelli.

Archivio Articoli

Ti è piaciuto questo contenuto?

Con la newsletter Teknoring resti sempre aggiornato.

In più, uno sconto del 20% su libri ed e-book e l’accesso ai vantaggi riservati agli iscritti.

ISCRIVITI

Potrebbero interessarti