Rivestimenti di superfici metalliche: come funziona la stagnatura

Le superfici metalliche e il rivestimento tramite stagnatura: un metodo di protezione

Superficie in rame stagnato, dettaglio (Foto © Alessandro Premier)

Il processo di stagnatura è uno dei sistemi utilizzati per ottenere il rivestimento delle superfici metalliche. Vediamone le applicazioni, le caratteristiche e gli effetti.

Nelle applicazioni architettoniche lo stagno, oltre a essere impiegato in varie leghe, è utilizzato come strato di rivestimento su altri metalli. Ad esempio il rame stagnato negli ultimi anni ha ottenuto un buon riscontro commerciale anche nel settore delle costruzioni, come rivestimento di facciata.

Lo stagno può essere impiegato come rivestimento galvanico in quanto assume un comportamento anodico rispetto al ferro. Lo stagno è un metallo malleabile e duttile dal colore bianco argenteo, molto resistente alla corrosione da acqua marina, acqua distillata e acqua potabile, ma può essere attaccato da acidi forti, alcali e sali acidi. Con l’atmosfera e con molte soluzioni si comporta come metallo più nobile: quindi è necessario che i rivestimenti stagnati non siano porosi, onde evitare il pericolo che lo stagno acceleri la corrosione anziché ritardarla.

Poiché lo stagno fonde a temperatura molto bassa (230 °C), la stagnatura termica è ancora oggi il processo di rivestimento in stagno più diffuso. Questi rivestimenti possono essere realizzati anche con stagnatura chimica (in bagni acidi o alcalini) o per via elettrolitica.

Spesso si esegue la stagnatura perché si preferisce il colore bianco dello stagno, che permane anche a contatto con l’umidità e vari gas, rispetto al colore ossidato di altri metalli.

Le superfici stagnate sono lucide (quasi come l’acciaio satinato) e presentano riflessi bianchi, talvolta colorati sotto la luce del sole. Grazie alla stagnatura possono essere ottenute superfici particolari con interessanti effetti estetici.

Alessandro Premier

Architetto, PhD in Tecnologia dell’Architettura, è docente a contratto di Tecnologia dell’Architettura presso il Corso di Laurea in Scienze dell'Architettura dell’Università di Udine, DPIA. È socio fondatore del centro ricerche Eterotopie e svolge attività di ricerca e progettazione nel settore dell’innovazione tecnologica dell’involucro architettonico.

Archivio Articoli

Ti è piaciuto questo contenuto?

Con la newsletter Teknoring resti sempre aggiornato.

In più, uno sconto del 20% su libri ed e-book e l’accesso ai vantaggi riservati agli iscritti.

ISCRIVITI