Relazione peritale: ecco come il Ctu risponde al quesito del giudice

L'oggetto della consulenza tecnica, e dunque il suo prodotto principale, la relazione, viene predeterminato dal giudice con la formulazione dei quesiti

La relazione di consulenza tecnica rappresenta il completamento delle operazioni peritali e quindi i risultati delle indagini e delle osservazioni e documentazioni prodotti dalle parti, nonché i risultati degli accertamenti compiuti.

Normalmente il consulente è chiamato ad integrare le conoscenze del giudice in quei campi della scienza ignorati o scarsamente conosciuti dallo stesso, perché funzione essenziale della consulenza tecnica d’ufficio è quella di fornire al giudice valutazioni in quei campi dello scibile in cui egli ritenga necessario integrare le sue cognizioni e, pur potendo il consulente tecnico compiere accertamenti di fatto di carattere tecnico che servano da base alla valutazione che gli è stata affidata, questo non significa che egli possa svolgere la sua attività alla dimostrazione dei fatti che la parte ha l’onere di provare.

La relazione peritale può costituire anche fonte oggettiva di prova quando si risolve in uno strumento oltre che di valutazione tecnica anche di accertamento e di descrizione di situazioni di fatto, tali da essere rilevabili nella loro obiettiva consistenza solo col ricorso a determinate cognizioni tecniche.

Il giudice può trarre da essi, elementi di giudizio determinanti al fine della decisione della controversia, anche se tali dati siano difformi o in contrasto con altre risultanze dell’istruttoria.

La relazione allora si pone come una sorta di mediazione, quanto per cercare di comprendere le dichiarazioni contenute nell’ambito del contesto di molti altri dati che condizionano o integrano il significato letterale delle dichiarazioni stesse.

E’ opportuno differenziare il processo verbale delle operazioni, ovvero la stesura di un atto in cui sono verbalizzate le operazioni di sopralluogo, con il corpus della relazione tecnica.

Il primo atto è una mera descrizione di ciò che il CTU ha fisicamente “percepito”.

La relazione tecnica, invece, è rappresentata dalle successive conclusioni peritali, dove l’esperto, applicando la propria conoscenza, effettuerà un ragionamento logico-deduttivo al fine di risolvere i quesiti posti dal giudice.

La consulenza tecnica ha inizio con le operazioni peritali, che a loro volta iniziano con l’accettazione dell’incarico da parte del perito, obbligatoria a meno che sussista un giusto motivo di astensione.

Successivi all’accettazione sono il giuramento e il conferimento dell’incarico da parte del Giudice e la formulazione dei quesiti a cui il CTU deve attenersi, nonché la fissazione della data entro cui la relazione con il relativo verbale delle operazioni compiute va depositata.

Ma come si coniuga la perizia, come atto scritto, con il principio dell’oralità del processo?

Tenendo a mente il tenore della norma (art. 195, comma 2, c.p.c.), se il consulente tecnico d’ufficio agisce con l’intervento del giudice, la documentazione è data dal processo verbale redatto dal cancelliere, ma se i rilievi e le osservazioni investono questioni complesse, il giudice può disporre che sia redatta apposita relazione.

Se le indagini sono compiute senza l’intervento del giudice, il consulente tecnico ne deve fare relazione: in tal caso il contraddittorio è garantito dall’obbligo di inserire le osservazioni e le istanze che le parti hanno compiuto direttamente o a mezzo dei loro CTP (art. 194, comma 2, c.p.c.).

In quest’ultimo caso, la relazione è rappresentata dall’elaborato scritto che il consulente tecnico d’ufficio deve presentare nel termine stabilito dal giudice che gli ha affidato l’incarico.

Nella prassi giudiziaria, spesso l’attività del consulente si esaurisce con la stesura della relazione basata sui quesiti posti dal giudice, senza ulteriori interventi nel processo. Ciò perché, l’ipotesi delle indagini compiute con l’intervento del giudice sembrerebbe essere rimasta solo sulla carta.

Leggi tutte le news sulla responsabilità del CTU

Serena Pollastrini

Libera professionista esperta nel settore delle consulenze tecniche e delle valutazioni immobiliari; è autrice di pubblicazioni scientifiche in tema di Consulenza Giudiziaria edite da Wolters Kluwer Italia e pubblicista per riviste tecniche di settore, per i circuiti web delle professioni tecniche “Teknoring” e per la banca dati tecnica per professionisti “TeknoSolution”.

Archivio Articoli

Ti è piaciuto questo contenuto?

Con la newsletter Teknoring resti sempre aggiornato.

In più, uno sconto del 20% su libri ed e-book e l’accesso ai vantaggi riservati agli iscritti.

ISCRIVITI