title

BLOG

 
mobile adv

Pubblicità: la spesa globale sul mobile supererà quella su desktop nel 2018

Nel 2018 il mobile advertising supererà l’online desktop advertising e peserà per il 50,2% su tutta la pubblicità internet: a rivelarlo è ZenithOptimedia con l’ultima edizione del report Advertising Expenditure Forecasts. La pubblicità su mobile, infatti, varrà 118 miliardi di dollari nel 2018, in crescita rispetto ai 50 miliardi di dollari del 2015, e raccoglierà più investimenti di tutti gli altri mezzi eccezion fatta per la televisione (che totalizzerà 215 miliardi di dollari USA nel 2018, in ascesa rispetto ai 206 miliardi di dollari di quest’anno).

Al mobile advertising si riconduce la crescita pubblicitaria globale quasi nella sua interezza e ZenithOptimedia prevede che questo canale crescerà ad un tasso medio annuo del 32% fra il 2015 e il 2018, raggiungendo quota 87% su tutti i nuovi investimenti pubblicitari globali in questo periodo. L’agenzia media prevede che la pubblicità su internet per dispositivi desktop toccherà il proprio picco in corrispondenza dei 114 miliardi di dollari nel 2017, prima di ridiscendere leggermente a 113 miliardi di dollari nel 2018 – contemporaneamente alla migrazione della spesa pubblicitaria dai dispositivi digitali fissi a quelli mobili.

01-La-quota-del-mobile-advertising-superera-quella-del-desktop-advertising

Il programmatic advertising costituirà il 60% del digital display nel 2016

Nel 2015 il programmatic advertising varrà per la prima volta più della metà degli investimenti digital display (53%) e aumenterà la propria quota al 60% nel 2016, stando alle previsioni di ZenithOptimedia nel nuovo report Programmatic Marketing Forecasts, anch’esso recentemente pubblicato dall’agenzia. Il programmatic advertising è cresciuto fino a dominare il mercato digital display in pochi anni – nel 2012 pesava solo il 12% dell’investimento in display. La spesa pubblicitaria in programmatic è cresciuta dai 5 miliardi di dollari del 2012 ai 38 miliardi nel 2015, con un tasso medio di crescita del 100% l’anno.

Questa crescita tende a rallentare più si arriva ai confini del mercato display, anche se ZenithOptimedia si attende che il programmatic advertising crescerà di un ulteriore 34% nel 2016 e di un 26% nel 2017, punto in cui due terzi della pubblicità display globale saranno gestiti in programmatic. Gli Stati Uniti sono di gran lunga il più grande mercato pubblicitario programmatico, un mercato che vale 16,8 miliardi di dollari nel 2015 e pesa per il 44% dell’investimento programmatic globale. Il Regno Unito, invece, si piazza al secondo posto, con un valore di 2,6 miliardi di dollari e un peso del 7%.

02-Laumento-della-spesa-pubblicitaria-su-internet-per-tipologia

Internet supererà la televisione nel 2018

Al momento la televisione è il mezzo pubblicitario dominante, con una quota del 38% sul totale investimenti pubblicitari nel 2015. ZenithOptimedia, però, si attende che nel 2018 internet supererà proprio la televisione come singolo più grande mezzo pubblicitario. Guardando al mercato pubblicitario nel suo complesso, l’agenzia media ritiene che la quota della televisione abbia raggiunto il picco col 39,7% del 2012, stima un livello del 37,7% per il 2015 e si attende che cadrà al 34,8% entro il 2018.

Una delle ragioni cui si lega la perdita di quota di investimenti da parte della televisione è la rapida crescita del paid search, che è fondamentalmente un canale direct response (insieme con gli annunci economici), mentre la televisione è essenzialmente un canale per agire sulla brand awareness – e l’agenzia media si attende che così sarà ancora per molti anni a venire. ZenithOptimedia stima che la televisione varrà per il 44,7% dell’investimento sui mezzi a schermo (escludendo gli annunci economici su internet e la paid search) nel 2015 e per il 42,9% nel 2018.

03-Il-contributo-dei-mezzi-alla-crescita-della-spesa-pubblicitaria

L’audiovisual advertising sta diventando più importante per costruire i brand

L’audiovisual advertising nel suo insieme (televisione e online video) sta guadagnando quota nella display advertising. La televisione offre capacità senza eguali nel costruire copertura, mentre l’online video offre possibilità di effettuare un targeting estremamente preciso e di personalizzare i messaggi di marketing – entrambi i mezzi sono strumenti potenti per costruire brand awareness. ZenithOptimedia stima che l’audiovisual advertising peserà per il 48,4% del display advertising nel 2015, in crescita dal 44,1% nel 2010, e si attende che la sua quota raggiungerà il 48,9% nel 2018.

Le edizioni digitali aiuteranno gli editori di riviste ad aumentare i ricavi pubblicitari complessivi del 2% l’anno prossimo

La pubblicità sulle riviste a stampa sta declinando in quasi tutto il mondo; per i soli Stati Uniti, ad esempio, ZenithOptimedia prevede che i ricavi pubblicitari dei periodici si contrarranno dell’1,8% nel 2016. Ad ogni modo, l’agenzia ritiene che gli editori statunitensi di riviste generino il 20% dei propri introiti dalle edizioni digitali e che questi ricavi stiano crescendo rapidamente. Considerando i ricavi digitali, ZenithOptimedia prevede che gli editori di periodici godranno di un aumento complessivo dell’1,8% sul totale delle revenue l’anno prossimo.

04-Landamento-della-crescita-pubblicitaria-per-regione-mondiale

TAGS > , , , , ,

Sorry, the comment form is closed at this time.

mautic is open source marketing automation